[M.H.]

13782167_1134661826606722_2829756008355758904_n

all’inizio della scorsa estate ho ricevuto una telefonata che non aspettavo e ho scoperto un mondo che non mi aspettavo. nel giro di due settimane, mi sono ritrovato a impacchettare quattro magliette e cinque paia di mutande, fare un passaporto d’urgenza e volare ai piedi dell’unico punto che conoscevo bene di tutto ciò: il Muur di geraardsbergen. da lì è cominciato l’inseguimento a una lunga traversata d’Europa in bicicletta, nota come Transcontinental Race. una pedalata che si snodava tra incontri più che tra luoghi, anche per chi come noi non pedalava.

il primo incontro è stato con questo tipo strano, che sembrava uscito da un romanzo fantasy e parlava un inglese ai limiti del comprensibile. un tipo che ho scoperto con lo scorrere dei chilometri, come tutta questa storia fatta di birra e ciclismo. ci ho scambiato troppe poche parole con Mike Hall, quando sapevo che avrebbe avuto parecchio da raccontarmi. l’ho incontrato qua e là lungo la strada, l’ho ritrovato al traguardo in turchia, a Çanakkale, con un sacchetto di lattine di Efes da consegnare a chi arrivava alla fine della corsa. l’ho rivisto a milano lo scorso novembre, quando ci trovammo insieme sullo stesso palco a presentare la prossima Transcontinental, l’ultima che ha disegnato, la prima che non vedrà con i suoi occhi.

Continua a leggere

Annunci

Lo strano caso del signor Reda e di forever Hyde

Immaginesaro’ lungo ma soprattutto confuso. scrivo senza rileggere.

in verità questa roba la volevo scrivere già da qualche giorno, poi il tempo è quello che è.
fatto sta che si è arrivati a 10 anni dalla morte di pantani, e questa roba probabilmente la volevo scrivere da 10, direi 15, anni.
questa roba è ciò che più ha fatto male al Ciclismo negli ultimi lustri, anche più di gianni agnelli.
questa roba è l’antidoping. meglio: e’ l’uso politico dell’antidoping.

c’è una stanza, allo stadio olimpico di roma, dove si entra uno per volta. si entra ciclista e si esce disoccupato. per minimo 2 anni, più spesso per sempre, negli ipocriti tempi che corrono. non credo che questa stanza sia arredata in maniera particolare, le inquisizioni moderne hanno abbandonato la sfarzosità medievale, come ci racconta Kader Abdolah anche nell’iran post-rivoluzione il “Giudice di dio” mandava a morte i processati in cantine e magazzini. Continua a leggere