Superprestige Francorchamps. Du’ parole, anzi cinquecentoottantanove

muu
ieri mi sono perso la magica koksijde, ma per nobili motivi ciclistici. Oggi mi è saltata una trasferta all’ultimo, e allora ho goduto per intero francorchamps e va bene così.

una corsa davvero bella su un tracciato sorprendente.
vince pauwels e con pienissimo merito, perchè se è vero che pure VdH ha tenuto banco per tutta la gara, l’errore con cui si è auto-eliminato l’olandesino è da matita rossa.impressionante il finale di corsa di meeusen, che mi sembra confermarsi il corridore più brillante di questo inizio stagione.
Continua a leggere

sulla cattiva strada

su tutti i media ciclistici oggi le discussioni sono aperte, talvolta aspre, tutte ad analizzare e perlopiù criticare il percorso del prossimo Giro. ebbene, a me del prossimo Giro importa ben poco, ora. ci saranno i giorni feriali dei mesi invernali da dedicare a questo futuro prossimo, da spendere in analisi che a nulla serviranno. a me dei percorsi ormai interessa poco, perchè mi basta fare un passettino indietro, al giorno prima, all’ultimo giro di lombardia.

c’è molto in comune tra questi due “giri”: c’è la prossimità temporale tra una corsa e la presentazione dell’altra, c’è lo stesso organizzatore e lo stesso disinteresse che l’organizzatore manifesta verso i “suoi” prodotti, e c’è un tracciato nuovo che sembra deludere tutti. Continua a leggere